post libri brunella

Quando le ispirazioni di viaggio vengono dai libri

Mi è sempre piaciuto leggere libri gialli e trovo intrigante pensare ai viaggi nei luoghi di ambientazione dei vari romanzi.

In Italia, Camilleri ha aperto la strada ad un turismo ambientato nel sud della Sicilia con Il Commissario Montalbano ma anche Gavino Zucca risveglia i luoghi di Sardegna con il suo Tenente Roversi.

E che dire di Antonio Manzini, che con il mitico Vicequestore Rocco Schiavone  ci ha portato ad esplorare un’inedita Valle d’Aosta?

Anche noi genovesi, nel nostro piccolo, abbiamo avuto Bruno Morchio che tramite l’incredibile investigatore Bacci Pagano ci ha fatto rivisitare con nostalgia i vecchi carruggi.

Chi non vorrebbe visitare Barcellona con gli occhi di Pepe Carvalho dello scrittore Montalban, o una Parigi classica noir di Simenon con l’impareggiabile Maigret?

E poi tutti gli scrittori nordici di gialli che ci hanno portato in ambientazioni danesi come Jussi-Adler Olsen, oppure il più famoso Sieg Larsson con la trilogia Uomini che Odiano le Donne ambientati in Svezia, o ancora i libri di Jo Nesbo nel mondo norvegese.

Io da lettrice vorrei visitare ogni singolo luogo, via, piazza, palazzo che tanti scrittori chi hanno descritto nei loro romanzi.

Brunella / Viaggi&Vacanze

Condividi questo post sui social!

Share on facebook
Share on linkedin
Share on whatsapp

Articoli correlati

Cronaca Berlinese

1979, un uomo di nome Lucio sta fumando una sigaretta seduto su una panchina al Check Point Charlie, di fronte al Muro, e inizia a

Cronaca islandese

Come italiani siamo fortunati, le bellezze nel nostro Paese sono tantissime. Eppure, da turista e da subacquea, vi posso assicurare che l’Islanda sa regalarvi immagini