cronaca-maldiviana1

Cronaca Maldiviana

La prima sensazione quando dal freddo dell’inverno italiano si vola a Malè è l’aria caldissima che ti investe, quando scendi dalla scaletta dell’aereo con le scarpe da ginnastica, i jeans e magari anche la felpa in vita! Una sensazione come di un phon sparato sul viso che lì per lì ti stordisce, ma che è il primo sintomo di “vacanza”.

Dopo la prima volta, impari: mai dimenticare di mettere un paio di infradito e un paio di pantaloncini nel bagaglio a mano. Così, una volta arrivati al ritiro bagagli, basta lanciarsi in bagno per tornare trasformati nel tipico vacanziero pronto per una settimana di relax e divertimento. Stile Mago Merlino al ritorno da Honolulu… la Spada nella Roccia della Disney non ve la sarete mica persa, giusto?

Da qui, è un susseguirsi di nuove emozioni: un paese nuovo, lontano dalla nostra realtà occidentale, con colori, profumi e suoni assai diversi.

Si sale in barca, il miglior mezzo di trasporto e l’azzurro del mare, che presto sfuma nel blu più intenso al largo, ti avvolge. Il sole riflette sull’acqua creando un magico scintillio (occhiali da sole obbligatori!) e l’aria salina ti inebria: la vacanza è davvero iniziata.

Ma per un subacqueo, il vero inizio vacanza è la mattina dopo, con la sveglia all’alba, la preparazione meticolosa di una attrezzatura minimal, adatta alle immersioni nei mari tropicali, la vestizione con la muta leggera e… splash… Ecco, ora davvero sono nel mio, tra le bolle e il blu più intenso. Questo è l’unico mare dove sono sempre certa di non mettere il cappuccio, di librarmi leggera a mezz’acqua con i capelli sciolti e le pinne lunghe che mi spingono alla ricerca di nuovi Animali da conoscere e fotografare.

Le Maldive sono un Paradiso sommerso: difficile trovare un Animale più emozionante di altri, ma meritano una menzione le Mante, magiche, grandi ma come senza peso nei loro volteggi sopra le nostre teste. E che dire degli squali nutrice? Hanno un che di ancestrale con il loro muso che “grufola” (passatemi il termine) nella sabbia anche spingendoti pur di arrivare al tanto ricercato cibo.

Mi manca lo squalo balena, che pure popola questi mari. Torno sempre con la speranza di vederlo e, sono certa, prima o poi succederà e potrò raccontarvelo!

Tutto alle Maldive ricorda il Paradiso Tropicale dei nostri sogni: la sabbia che non brucia, le palme, le noci di cocco ed il loro gustoso latta, l’acqua sempre calda che ti coccola ed avvolge e che sempre ti regala incontri magici e preziosi.

E siccome mi piace che la vacanza non sia solo Mare, vale la pena visitare Malè, vedere la Rufiyaa (la valuta maldiviana che sulle banconote riporta il loro tesoro più prezioso: gli Animali del Mare), dissetarsi con un succo di frutta in un bar tipico, vedere la moschea fatta di corallo.

Un viaggio per tutti, che vale la pena fare e rifare.

Quando si riparte?

Liliana, BBV Italia Eventi&Congressi

Condividi questo post sui social!

Share on facebook
Share on linkedin
Share on whatsapp

Articoli correlati

Cronaca Maldiviana

La prima sensazione quando dal freddo dell’inverno italiano si vola a Malè è l’aria caldissima che ti investe, quando scendi dalla scaletta dell’aereo con le

Cronaca Berlinese

1979, un uomo di nome Lucio sta fumando una sigaretta seduto su una panchina al Check Point Charlie, di fronte al Muro, e inizia a